L’arte che attiva il territorio

Il colore e la rigenerazione urbana

Molti le chiamano “piazze a pois”, tanti altri si sono chiesti se una mano di colore per terra possa cambiare il modo in cui si vive un quartiere. Stiamo parlando degli interventi di urbanistica tattica realizzati nell’ultimo anno dal comune di Milano all’interno del progetto “Piazze Aperte”. La formula è stata più o meno la stessa in tutti i luoghi: rimodulazione di traffico e parcheggi, con l’inserimento di panchine, fioriere, alberi, tavoli da ping pong e l’uso massiccio del colore. Gli interventi più grossi e vistosi sono stati quelli in Piazza Dergano, Piazza Angilberto, Porta Genova e Spoleto-Venini (NoLo), ma…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Una serata al bancone del bar

Dalla Milano da bere alle miscelazioni futuriste

“Ciao, mi fai un gin tonic e un Negroni?” potrebbe essere la frase più utilizzata a Milano, quantomeno nelle notti di divertimento e balera del venerdì sera. Dalla “Milano da bere” degli anni ’80 agli innumerevoli locali che hanno aperto lungo i Navigli negli ultimi anni, il capoluogo meneghino è sempre stato la capitale di apertivi e cocktail bar. Nel corso degli ultimi anni, locali storici e a conduzione famigliare hanno spesso faticato a tenere il passo della concorrenza, mentre…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Tra i palazzi della Barona

Una periferia dimenticata

“AAA cercasi killer nella tua zona – Per questo arrivo da Ba-Ba-Barona – Così è come la vera Milano suona”, canta in “Popolare” il rapper Marracash, che alla Barona ci è vissuto da quando aveva 10 anni. “Ti sentivi figo se avevi i genitori criminali. La mia faccia da marocchino e poco di buono è servita,” ha raccontato qualche anno fa in un’intervista, quando ormai la sua fama lo precedeva. Bastano queste poche parole ad inquadrare uno dei quartieri più difficili di Milano, posto…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Milano regina del mattone

Come cambia il mercato immobiliare in città

La ruota panoramica e il roller coaster stavano proprio al centro delle Varesine, quella striscia di Milano che si estendeva dalla Stazione Centrale fino a Porta Garibaldi, il secondo polo ferroviario della città. Uno squarcio del capoluogo meneghino abbandonato a nord, l’unico posto in cui era possibile creare un Luna Park, lontano dai negozi di Haute Couture del centro e dalla borsa valori. Adesso, riguardando…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Un paese dentro la città

Una passeggiata per Dergano

Nelle sere d’estate il rumore delle palline sui tavoli da ping pong si sente fino a tarda sera. Si sovrappone al vociare delle famiglie a passeggio, e contribuisce a dare vitalità ad un quartiere storico di Milano, che non ha però mai smesso la sua veste di piccolo borgo commerciale e artigianale. Siamo a Dergano, area tra Isola, Bovisa e Affori, che anche chi vive a Milano da un po’ fatica a identificare su una mappa. La piazza…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Il delivery fa rinascere la cannabis light

Un mercato selvaggio e nuovi consumatori

Il boom, il baratro e una ripartenza fiduciosa. Si potrebbe descrivere così il mercato della cannabis light a Milano e in Italia. A partire dal 2017 i centri storici delle grandi città del Paese hanno cominciato a riempirsi di negozi che vendevano la “marijuana che non sballa”, ovvero con un contenuto di THC sotto i livelli di legge. A maggio una sentenza della Cassazione aveva costretto tutti alla chiusura, ma ora il mercato è ripartito, tra clienti in crescita e servizi innovativi. A Milano, e in altri…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Capricci edilizi a Milano

Le costruzioni più insolite della città

Le recenti riqualificazioni e gli sviluppi edilizi di Porta Nuova e del Portello hanno fatto sì che le archistar iniziassero a fare di Milano la propria tavolozza. Se le nuove costruzioni in città non sono più legate a uno schema classico e molto lumbard, a Milano restano però delle vere e proprie chicche architettoniche. In attesa dell’avveniristica riforestazione urbana degli ex scali ferroviari, Duemila Parole ha deciso di fare quattro passi tra le vie cittadine e scoprire alcuni degli edifici più strani e particolari di Milano…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

La carne oltre la carne

Il locale è a tinte pastello, verde e rosa. Due vetrine affacciate su Corso XXII Marzo e pochi tavoli curati nei dettagli. L’arredamento è alla moda: sedute di design, grafiche alle pareti e niente tovaglia sui tavolini in marmo. Avo Brothers è uno dei ristoranti che hanno aperto recentemente sul perimetro del centro di Milano. Un menù dedicato all’avocado, l’ingrediente cool degli ultimi anni, e una clientela giovane. Ma oltre a preparazioni vegane e birre gluten-free, il ristorante al civico 25 di Corso XXII Marzo è molto apprezzato per un hamburger. Non un…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Istantanee da Nolo

NoLo significa letteralmente “a Nord di Loreto”. Un acronimo di cui si è fatta necessità quando il quartiere che geograficamente è collocato tra le fermate di Rovereto, Turro e Pasteur ha avuto una rinascita. Grazie a iniziative nel quartiere e sul web, gli abitanti di NoLo sono stati capaci di riportare in vita questa parte di Milano. Oltre al…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Ristoranti virtuali, business reale

La sfida di non avere nessun posto a sedere

Suona il campanello: è il ragazzo di Deliveroo. La serata Netflix e cibo spazzatura tra amici può finalmente iniziare. Dentro buste e cartoni ci sono pizza kebab, Chicken McNuggets e una valanga nighiri. È forse questo lo stereotipo più forte quanto si pensa alla consegna di cibo a domicilio, oltre alla triste prospettiva di un frigorifero vuoto dopo un’estenuante giornata di lavoro. In realtà il mondo del food delivery è in forte cambiamento…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!